Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.

via Della Fiera, 6/N - 57021 Campiglia Marittima

Tel. 0565 851467 - Fax 0565 857764

Email: LIIC81000C@istruzione.it - PEC: LIIC81000C@pec.istruzione.it

C.F. 81003330495 - Codice Unico Fatturazione Elettronica


Scuola dell' Infanzia
 
icona

Scuola Primaria
 
icona

Scuola Secondaria
 

la scuolaLA SCUOLA si propone come scuola del bambino, per il bambino, secondo il bambino, basando il proprio progetto educativo sui bisogni dello stesso e promuovendo attività coerenti con le indicazioni presenti negli Ordinamenti Minsteriali.

Utilizza come strumenti principali le attività di gioco e l'esperienza diretta del bambino, e chiede la preziosa collaborazione dei genitori per garantire la coerenza dell'azione educativa.

News in Evidenza

L'istituto comprensivo "G. Marconi" di Venturina Terme partecipa al progetto "Generazioni Connesse" che promuove strategie atte a rendere internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, favorendone un uso più consapevole e positivo. Ma cos'é nello specifico "generazioni Connesse"?

Dal 1° luglio 2016 prosegue il Progetto “Generazioni Connesse” (SIC ITALY III) con una nuova edizione, co-finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma “Connecting Europe Facility” (CEF), programma attraverso il quale la Commissione promuove strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, promuovendone un uso positivo e consapevole.
Il progetto è coordinato dal MIUR, in partenariato col Ministero dell’Interno-Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, Università degli Studi di Firenze, Università degli studi di Roma “La Sapienza”, Skuola.net, Cooperativa E.D.I. e Movimento Difesa del Cittadino, Agenzia Dire con lo scopo di dare continuità all’esperienza sviluppata negli anni, migliorando e rafforzando il ruolo del Safer Internet Centre Italiano, quale punto di riferimento a livello nazionale per quanto riguarda le tematiche relative alla sicurezza in Rete e al rapporto tra giovani e nuovi media.

Cos'é il SIC?

Il Safer Internet Centre Italia è cooordinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) in partenariato con Polizia di Stato - Polizia Postale e delle Comunicazioni, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Save the Children Italia Onlus, S.O.S - Il Telefono Azzurro, Cooperativa E.D.I., Movimento Difesa del Cittadino e Skuola.net. Il Progetto è supportato da un Advisory Board composto dalle principali aziende ICT e da organizzazioni e istituzioni di settore di livello nazionale con lo scopo di raorzare gli obiettivi del Progetto e dionderne capillarmente il messaggio di un uso consapevole della Rete.

Perché nasce?

I SIC - Safer Internet Centre - progettando e realizzando interventi educativi e di sensibilizzazione sono di fatto lo strumento operativo del programma Safer Internet. Essi nascono per fornire informazioni, consigli e supporto a bambini, ragazzi, genitori, docenti ed educatori che hanno esperienze problematiche legate ai Nuovi Media e per permettere la segnalazione di materiale illegale online. I SIC, dunque, si identificano come punto di riferimento a livello nazionale per l’educazione alla sicurezza in Rete.

Perché è importante che ogni scuola sia dotata di un documento di e-policy?

Internet e le tecnologie digitali fanno parte ormai della vita quotidiana, non solo scolastica, degli studenti e delle studentesse: uno scenario che richiede di dotarsi di strumenti per promuovere un uso positivo, ma anche per prevenire, riconoscere, rispondere e gestire eventuali situazioni problematiche. La Policy di e-safety (e-policy) è un documento programmatico autoprodotto dalla scuola volto a descrivere:

- il proprio approccio alle tematiche legate alle competenze digitali, alla sicurezza online e ad un uso positivo delle tecnologie digitali nella didattica,
- le norme comportamentali e le procedure per l’utilizzo delle Tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) in ambiente scolastico,
- le misure per la prevenzione,
- le misure per la rilevazione e gestione delle problematiche connesse ad un uso non consapevole delle tecnologie digitali.


Il percorso è rivolto alle classi quarta e quinta della scuola primaria e a tutte le classi della scuola secondaria di primo grado. Il progetto si inserisce nel quadro delle attività svolte dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca al fine di attuare il Piano Nazionale Scuola Digitale (Legge 107/2015). 

Tra le diverse azioni previste dal progetto vi sono:

- Attività di formazione (online e in presenza) rivolte in maniera specifica alle comunità scolastiche (insegnanti, bambini/e, ragazzi/e, genitori, educatori) che intraprenderanno un percorso dedicato. Le azioni saranno realizzate da Save the Children Italia, Telefono Azzurro, Cooperativa E.D.I. e Movimento Difesa del Cittadino. I soggetti coinvolti potranno inoltre usufruire di strumenti e risorse didattiche disponibili nella Piattaforma online del Progetto.
- Il coinvolgimento diretto dei giovani nella creazione di piccole redazioni giornalistiche, coordinate dall’Agenzia Dire, per raccontare il mondo del Web dal loro punto di vista. Questi ragazzi costituiranno lo Youth Panel del Safer Internet Centre.
- Il rafforzamento della Helpline di Telefono Azzurro, a sostegno del Progetto (1.96.96), un servizio in grado di fornire supporto, in particolare a bambini, adolescenti e genitori, in merito a esperienze negative e/o problematiche inerenti l’utilizzo dei Nuovi Media;
- Il rafforzamento di due Hotline (www.azzurro.it di Telefono Azzurro e www.stop-it.it di Save the Children) riservate agli utenti della Rete per segnalare la presenza online di materiale pedopornografico.
- Attivazione di uno sportello di ascolto rivolto a docenti, genitori e alunni;
- Creazione di un BLOG con la partecipazione degli alunni;

  Per ulteriori informazioni cliccare qui

 

 

Allegati:
Scarica questo file (leaflet_genitori_a5.pdf)leaflet_genitori_a5.pdf[ ]10510 kB
Scarica questo file (leaflet_istituzionele_sic.pdf)leaflet_istituzionele_sic.pdf[ ]14761 kB

News Infanzia

News Primaria

News Secondaria